gIULIO fERRONI,raccontare il 1968. Giulio Ferroni sull’Uso della vita

Raccontare il 1968. Giulio Ferroni sull’Uso della vita Scritto da Giulio Ferroni 18 Febbraio 2013. Categoria: Plausi e botte Come raccontare il Sessantotto? E come raccontarlo non in un’ottica solo storiografica né in una diretta prospettiva politica, evitando amplificazioni eroiche, scatti apologetici, recriminazioni, revisioni critiche, svolgimenti polemici, ecc.? E come raccontarlo quando lo si è vissuto, si è stati dentro … Continua a leggere

Dario Borso,finalmente siamo un paese normale

Dario Borso ha pubblicato qualcosa in LEVIATANO    Dario Borso    20 febbraio 1finalmente siamo un paese normale, anzi meglio della germania: lì ci è voluta una tesi coopiata per far dimettere uno, qui basta un’aggiunta al curriculum…    <Etico ti Ensemble>www.youtube.com   Paola Turci, Elio e Gianpiero Jam Kesten cantano Etico Ti

Jean-Paul Sartre, Élections, piége a cons

Jean-Paul Sartre, Élections, piége a cons Nel 1789 fu stabilito il voto censitario: significava far votare non gli uomini ma le proprietà, i beni borghesi, che non potevano dare i suffragi che a se stessi. Questo sistema era profondamente ingiusto poiché si escludeva dal corpo elettorale la maggior parte della popolazione francese, ma non era assurdo. Certo gli elettori votavano … Continua a leggere

Salvatore Natoli,La ragione della fede tra gli atei nativi

 NATIVI DIGITALI, ATEI NATIVI,  E CEDIMENTO STRUTTURALE DEL CATTOLICESIMO-ROMANO.<http://www.lavocedifiore.org/SPIP/article.php3?id_article=4039#forum1393288<  La ragione della fede tra gli atei nativi di Salvatore Natoli (Avvenire, 12 febbraio 2013) In un film recente e controverso – Habemus papam – il regista Nanni Moretti ci raccontava di un cardinale restio a diventare Papa perché non si sentiva idoneo a prendere su di sé il grande peso … Continua a leggere

(versante ripido)Reportage. Miracolo a Milano di Saya, Santarone, Zironi

Reportage. Miracolo a Milano di Saya, Santarone, Zironi Posted by versanteripido2013/02/01 Reportage. Miracolo a Milano di Saya, Santarone, Zironi. La città nei versi di tre poeti. La parola a Marco Saya che Milano la vive da quarant’anni: milano milano, quando ci sbarcai era bella,nonostante la saudade mi innamoraidi quella nebbiolina che, allora,s’incuneava tra le case di città studi.sono passati più … Continua a leggere

Nick Cave & The Bad Seeds, Jubilee Street

Nick Cave & The Bad Seeds,Jubilee Street On Jubilee Street there was a girl named BeeShe had a history, but she had no pastWhen they shut her down, the Russians moved inNow I’m too scaredI’m too scared to even walk on pastShe used to say“All those good people down on Jubilee StreetThey ought to practise what they preach”Yeah, they ought … Continua a leggere

Armando Todesco, E’ora di credere all’Italia

E’ ora di credere  all’Italia   L’immigrazione degli stranieri in Italia e’ ormai vecchia e data da 20-30 anni .Siamo arrivati alla generazione dei figli dei figli degli immigrati e quindi e’ storia che  verra’ rivista negli anni avvenire .Abbiamo accettato che gli stranieri  siano stati  in maniera  a volte vergognosa messi davanti per le loro esigenze  infischiandosene  dei sacrifici che … Continua a leggere

PER IL CENTENARIO DELLA NASCITA DI DON GIUSEPPE DOSSETTI

<http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/storia/Analisi_1360586744.htm< VOGLIO SVEGLIARE L’AURORA. A DON GIUSEPPE DOSSETTI, PER IL SUO CENTENARIO DELLA NASCITA.  LA “TRIPLICE VITTORIA” (UN SUO ARTICOLO DEL 1945) E “LA LECTIO MAGISTRALIS” DI ALBERTO MELLONI (Reggio Emilia, 9 febbraio 2013). – con noteChi ha avuto e ha paura della visione della chiesa come comunità convocata dal dono lo dipinge come un uomo che è vero solo … Continua a leggere

F. HOLDERLIN ,Di gialle pere il suolo

Di gialle pere il suoloe colmo di rose selvaggepende nel lago, voi cigni del cuore, e il capo di baci ubriaco nell’acqua tuffatech’è santa e non turba. Ahimè, dove li prendo,ora ch’è inverno, i fiori, e dovedel sole la luce, della terral’ombra? Al freddo mutise ne stanno i muri, nel ventostridono le banderuole. F. HOLDERLIN (traduz. di Gianfranco Contini)