LUCA BELTRAMI GADOLA, Guido Martinotti

GUIDO MARTINOTTI
12 DICEMBRE 2012 DI LBG
 

DA  arcipelagomllanoscala .jpeg
i
Di tante cose avrei dovuto parlare in questo editoriale: dell’osceno spettacolo degli uomini del Pdl e della loro schiena incapace di star dritta, della nausea che mi prende pensando a Berlusconi, il pupazzo sempre in piedi, e al suo calpestare il bene comune, della spudoratezza delle sue bugie, dello sconforto per le parole dell’arcivescovo Scola col suo integralismo e il suo profondo irriconoscente disprezzo per tutti noi laici che in nome della libertà non alziamo un dito per impedirgli di dire quello che dice, anzi difendiamo il suo diritto a esprimersi.
Dovrei parlare del suo forsennato tentativo di riportare Milano e i milanesi indietro di qualche secolo quando le istituzioni erano profondamente condizionate dalla Chiesa che si alleava con la nobiltà e all’aristocrazia per non pagare le imposte e per opprimere il popolo. Da questi tristi argomenti mi allontana un preciso doloroso compito: il compianto per Guido Martinotti. Coetanei, ci conoscevamo da sempre, lo stimavo e lo apprezzavo per il carattere e per tutti i meriti che i suoi amici e i suoi collaboratori e la città intera gli hanno riconosciuto in questi tristi giorni, senza eccezione alcuna. Ci conoscevamo da sempre anche per la comune militanza politica ma solo nel 2009 i nostri rapporti sono diventati ben più stretti: nel maggio di quell’anno scrisse il primo articolo per il nostro giornale e da allora la sua collaborazione e i suoi pezzi divennero una feconda consuetudine per i nostri lettori. Se ArcipelagoMilano si è conquistato un posto al sole nel panorama culturale e politico milanese lo dobbiamo anche a lui. E non solo.
Le conversazioni con Guido sugli argomenti da trattare e sugli orientamenti del nostro giornale erano un’occasione pressoché settimanale. Gli devo dunque molto perché, dopo aver parlato con lui delle cose che a entrambi stavano a cuore, il mio giudizio diveniva più meditato e la rabbia e la foga si tramutavano in un sentimento equilibrato: era riuscito a trasmettermi il suo ottimismo di fondo, il rispetto e l’amicizia verso la società che ci circonda, anche quella dagli atteggiamenti meno condivisibili. Le sue osservazioni e i suoi studi sulla società milanese resteranno come bagaglio indispensabile per chiunque di questa città voglia conoscere tutto, anche i visceri più nascosti. Le sue frequentazioni del mondo anglosassone, università e amicizie, davano ai suoi giudizi e alle sue analisi un’apertura da cittadino del mondo, consentendogli una visione della realtà italiana libera da condizionamenti e prudenze provinciali.
Poche settimane orsono nelle nostre chiacchiere conviviali davamo corpo alla comune speranza che il declino del nostro Paese volgesse al termine e che, uscito di scena come sembrava l’uomo più dannoso che l’Italia mai ebbe dopo Mussolini, la vita ricominciasse come la desideravamo. Berlusconi è nuovamente in campo e se mai dovesse vincere almeno questo ennesimo oltraggio Guido non dovrà soffrirlo. Ma se il Paese con un sussulto di dignità potesse finalmente voltare pagina, non avremo Guido a supportarci col suo sapere e la sua saggezza e a evitarci gli errori dei facili entusiasmi della vittoria. Il compianto. In sua memoria pubblichiamo oggi l’inedito Obama c’est moi! una parte di un suo recentissimo contributo che, col suo consenso, avevamo spezzato in due per ragioni di equilibrio editoriale, ripromettendoci di pubblicarne il seguito. La prima parte è stata pubblicata nel n°39 del nostro giornale col titolo “Note sparse sul “fine tuning” del rientro”
Luca Beltrami Gadola
 
 

LUCA BELTRAMI GADOLA, Guido Martinottiultima modifica: 2012-12-14T17:15:26+01:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento