Modernismo antiborghese: Daniela Brogi su “Manhattan Transfer” di John Dos Passos.

Leparoleelecose Sito ha pubblicato qualcosa in So che non so ciò che so
   

 

attentato Brindisi..JPG
Leparoleelecose Sito    27 settembre
Modernismo antiborghese:
Daniela Brogi su “Manhattan Transfer” di John Dos Passos.

“Manhattan Transfer trae il titolo dal nome di un famoso scambio ferroviario di New York. Per certi aspetti, soprattutto tecnici, è il romanzo più radicalm
ente antiborghese che sia stato scritto, perché incendia l’individualismo: non con i temi, non con gli inserti didascalici, ma lavorando materialmente sulle fondamenta (Dos Passos aveva studiato architettura), sulle strutture di racconto della narrazione. (…) Sindacalisti, giornalisti, aristocratiche, vagabondi, immigrati, capitalisti del mattone, contrabbandieri di alcol, lattai, mozzi da bastimento, donne di strada, belli e dannati che si suicidano, politici che ce l’hanno fatta, operai, attrici, anarchici, avvocati ambiziosi, sartine, disoccupati, poliziotti, comunisti cacciati come indesiderabili e che ripartono da Ellis Island cantando l’Internazionale («Il ruggito dell’Internazionale sull’acqua che svaniva come un sospiro tra la bruma»: p. 337). Sono tutti uomini comuni in cerca dell’opportunità («Questo è il Paese delle opportunità, o no?»: p. 51) e traditi da questo sogno. Non esiste un’esperienza migliore delle altre. Ognuna di esse racconta il capitalismo americano. Ma tutto questo non fa del libro una composizione corale. Manhattan Transfer è, nelle intenzioni dell’autore, un’opera collettivista, in senso tanto narrativo quanto politico: nessun destino è più importante degli altri (anche se ci sono due figure più seguite: Ellen e Jimmy). Perché ciò che più conta è la vita materiale e mentale della metropoli: così, il racconto incrocia le prospettive, si alterna rapidamente tra panoramiche e zoomate, crea attenzione sui personaggi oggettivando anche le loro emozioni in impressioni fisiche. La trama non contiene più, ma asseconda, variando continuamente l’angolatura, il disorientamento prodotto dall’esperienza urbana.”
http://www.leparoleelecose.it/?p=6791
Modernismo antiborghese. Manhattan Transfer di John Dos Passos
www.leparoleelecose.it

Modernismo antiborghese: Daniela Brogi su “Manhattan Transfer” di John Dos Passos.ultima modifica: 2012-09-28T15:21:30+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento