Monica Maria Seksich,PERFORMANCE

 SOUNDGARDEN, nel giardino del Relais Cattedrale, via Cattedrale, 7 – Asti
per OSSIGENO 2012 >> RASSEGNA ESTEMPORANEA D’ARTE CONTEMPORANEA <<

dal 19 luglio ore 19 al 22 luglio ore 2

<https://www.facebook.com/events/419088334786221/>

REBEL REBIS – Self Portraits & Poetry
di Monica Maria Seksich
Unknown.jpeg
La parola è segno e suono. La pittura è segno e forse nasce dal suono, in un inseguirsi misterioso tra versi, ritratti, fonemi, amore e sofferenza, simboli antichi e graffiti revisionati in maniera contemporanea. sogni, sensi e sofferenze in esposizione al Soundgarden.
I quadri si intersecano con le poesie, le poesie con i sensi, i sensi con i suoni.
Quale migliore posto, se non il Giardino del Suono?
In mezzo ai segni, i suoni dark e primordiali di Arpìe, performance poetico-teatrale sul rapporto dannato tra musica, morte e sillabe magiche.

Nella tradizione esoterica il Rebis è la rappresentazione del doppio, del due, dell’Armonia realizzata. Il Rebis (da res bina la cosa doppia) è una famosa figura ermetica riportata da vari autori in primis Basilio Valentino nel suo trattato sull’Azoto (1659).
Nel percorso artistico di Monica Maria Seksich questa faticosa meta arriva con la messa in discussione di ogni certezza, con la trans/gressione continua tra l’antico e il moderno, la sperimentazione sensuale che attraversa arti diverse, pittura, poesia, teatro. Un po’ di Bowie (Rebel Rebel è uno dei suoi brani preferiti) esemplificazione del perfetto androgino, un po’ di Velvet Underground, miscelati in un crogiuolo alchemico dove si incontrano gli dei dell’Olimpo e il rock, i Tarocchi e la ragion veduta, il serpente delfico e Lou Reed, i colori della terra e l’oro, metallo alchemico per eccellenza, il rosso conturbante del sangue unito al bianco e nero, che fu un leit motiv del post punk.

Inaugurazione: giovedì 19 luglio ore 19
La performance Arpìe sarà sabato 21 luglio dalle 20 in poi

Monica Maria Seksich,PERFORMANCEultima modifica: 2012-07-18T19:32:13+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento