QUEL VERRO DI VERRE di Roberto Alajmo

QUEL VERRO DI VERRE   di Roberto Alajmo

“Si’ ‘na virrina” si dice in Sicilia di una persona particolarmente insistente o inquisitoria.
Virrina viene direttamente da Verrina. Verrine erano le orazioni pronunciate da Cicerone di fronte al Senato contro il governatore romano Gaio Licinio Verre, che governò la Sicilia dal 73 al 71 avanti Cristo.
Un vero mascalzone, questo Verre, corrotto di suo e corruttore di magistrati. Se desiderava far sua una donna era capace di bruciarne la casa e ucciderle tutti i familiari, fin quando la poveretta non era costretta a capitolare.
Alla fine Verre fu costretto all’esilio, pur potendo contare su molte amicizie. L’argomento decisivo faceva perno sul momento di infima popolarità del Senato, devastato dai continui scandali. Cicerone disse in sostanza ai senatori: condannare Verre è l’ultima occasione che vi resta per salvare voi stessi.
Leggere le Verrine oggi trasmette ancora una certa indignazione. Un po’ per merito di Cicerone, e un po’ per via di certe coincidenze.
(La vignetta è di Sebino Dispenza)

 

Unknown.jpeg

QUEL VERRO DI VERRE di Roberto Alajmoultima modifica: 2011-09-24T18:50:56+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento