Pietro Sassi, Vestito d’ombra

FRancamente
scrivere pensare libertàUnknown-5.jpeg

Vestito d’ombra
Post aggiunto da Pietro Sassi il 24 Luglio 2011 a
 
Nessuno vi ha parlato,
ma forse lo sapete,
sono arrivate voci
che confuse dicevano,
nessuno vi ha parlato
di quel piccolo uomo
che il suo peso trascina
su strade sempre uguali.
 
 
A volte quando è chiara
la notte e sembra dolce
per ognuno che vive,
e il mormorare calmo
della riva lontana
canta parole antiche
di volti ritrovati,
sul ponte dei ricordi
poggia la sua stanchezza
e fantasie estenuate.
 
 
Alza la testa e guarda,
fissa i disegni strani
che quella luce bianca
forma sull’acqua scura;
e nell’ultima scena
per lui ci sarà un dio
che con braccia di vento
e preghiere di sale
il suo vestito d’ombra
inerme accoglierà.
 
 

Pietro Sassi, Vestito d’ombraultima modifica: 2011-07-24T18:01:05+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento