Ennio Abate, da IMMIGRATORIO su SANDRO BRIOSI e il simbolo oggi

MMIGRATORIO

“Al luccichio resiste tufosa la mia inquietudine
chiusa a voluttà e geometrismi
porosa solo
al gemito dell’ ultimo condannato, quando
insorge
in incubo, in povertà, in assenza
di mondo, in bende, in prigionia”

Note e riflessioni di Ennio Abate sulle scritture di amici e amiche

Alla ricerca di un senso nel mondo instabile e molteplice che poco conosciamo

Ai visitatori.Su questo blog (abbozzato nel 2010) pubblicherò le note, accumulate in vari anni e finora “private”, di lettore dei testi editi o inediti (poesie e romanzi per lo più) propostimi da amici, amiche e, a volte, da persone che prima non conoscevo. Ecco una prima scelta. Nel caso di testi editi ritengo di poter esercitare liberamente il comune diritto alla critica. Nel caso degli inediti, in caso di dubbio sulla pubblicazione di “lavori in corso”, chiederò prima l’autorizzazione ai diretti interessati. Al momento ne ho incluso solo due, deludenti o incerti, rispettando un diplomatico ma utile anonimato. I disegni che di tanto in tanto inserirò vengono dal mio Narratorio grafico di Tabea Nineo
[E.A.]

15 luglio 201132477_1437883238027_1561385940_31096463_3317974_s.jpg

 

 

 

IMMIGRATORIO
“Al luccichio resiste tufosa la mia inquietudine
chiusa a voluttà e geometrismi
porosa solo
al gemito dell’ ultimo condannato, quando
insorge
in incubo, in povertà, in assenza
di mondo, in bende, in prigionia”

Note e riflessioni di Ennio Abate sulle scritture di amici e amiche

Alla ricerca di un senso nel mondo instabile e molteplice che poco conosciamo

Ai visitatori.Su questo blog (abbozzato nel 2010) pubblicherò le note, accumulate in vari anni e finora “private”, di lettore dei testi editi o inediti (poesie e romanzi per lo più) propostimi da amici, amiche e, a volte, da persone che prima non conoscevo. Ecco una prima scelta. Nel caso di testi editi ritengo di poter esercitare liberamente il comune diritto alla critica. Nel caso degli inediti, in caso di dubbio sulla pubblicazione di “lavori in corso”, chiederò prima l’autorizzazione ai diretti interessati. Al momento ne ho incluso solo due, deludenti o incerti, rispettando un diplomatico ma utile anonimato. I disegni che di tanto in tanto inserirò vengono dal mio Narratorio grafico di Tabea Nineo
[E.A.]

15 luglio 2011

74891_1631196110570_1556663760_1459562_7310183_n.jpg

 

 

 

sabato 23 luglio 2011

Su Sandro Briosi
Introduzione agli atti
del convegno “Il simbolo oggi”
in “L’immaginazione riflessa” n. 1 1995

                                                                                                   Cologno Monzese 14 feb. ‘97
Caro Sandro,
                 rileggo, sulla rivista L’IMMAGINAZIONE RIFLESSA,  la tua introduzione agli atti del convegno   Il simbolo oggi del ‘94 e spulcio fra gli interventi, cercando di capire  cosa si muoveva nella cerchia dei partecipanti, perché vi partecipai, cosa inseguivo con le mie domande ai relatori e, infine, cosa  ci faccio nella tua Associazione… Orientandomi alla meglio posso simpatizzare (da tifoso culturale?) per l’”antiplatonismo” di Brioschi, afferrare alcune delle “questioni” interne (“tra fenomenologi”) o ritrovare “schieramenti” (quello  tuo e quello di Romano Luperini.. ). Ma poi sono costretto a chiedermi: l’‘interdisciplinarità’ che senso può avere per me, che sono fuori o ai margini delle discipline? […]
Mi sono riletto con più attenzione l’intervento che tu definisci “storico e poi bruciantemente attuale” di Eco. A me non pare che Eco indicasse delle vie per uscire dalla “dannazione dello scrittore contemporaneo”, di cui (permettimi la malignità…) sembra godere più che soffrire. […]
Considero davvero un brutto sintomo il fatto che, nel suo Dialogo tra il Poeta e un Facitore di Rotocalchi, quest’ultimo si veda rimbeccato per il suo bisogno di  attualizzare e politicizzare un testo letterario. E’ un’eresia? Non lo fece Eco alle origini della sua ascesa? […] E’ da ingenui e passatisti pensare che l’eccesso di simbolismo può portare all’occultamento di quello che una volta chiamavamo discorso “storico” e “sociale”? […] Non sarà il modo simbolico stesso a dover essere sottoposto a critiche più serrate? Non lo si è fatto a volte in passato? […] Mi scuserai se, per fretta e incompetenza, taglio con l’accetta.
Un abbraccio
Ennio

*Sandro Briosi (1941 – 1998) è stato ordinario di Letteratura italiana a Siena, ha insegnato nelle università di Milano, Groningen, Amsterdam, Toron to e Montreal. Ha dedicato volumi e saggi alla letteratura italiana del primo Novecento (Vittorini, Marinetti, Serra, Svevo), alla filosofia di Sartre e a questioni di teoria letteraria (Il senso della metafora, 1985; Il simbolo e il segno, 1993). Ha fondato e diretto l’Associazione per lo studio del tema “Simbolo, conoscenza, società

Ennio Abate, da IMMIGRATORIO su SANDRO BRIOSI e il simbolo oggiultima modifica: 2011-07-24T17:21:06+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento