Die Panne ,di Friedrich Dürrenmatt

mercoledì 18 maggio 2011
Die Panne di Friedrich Dürrenmatt
Unknown.jpeg

Dürrenmatt – autoritratto

Ci sono ancora delle storie possibili, storie per scrittori? Se uno non intende raccontare di sé, né romanticamente, liricamente, generalizzare il proprio io, se non si sente affatto obbligato a parlare con assoluta veridicità delle proprie speranze e delle proprie sconfitte, o del proprio modo di fare all’amore, come se la veridicità ne facesse un caso universale e non piuttosto un caso clinico, psicologico, se uno non intende farlo e vuole invece tirarsi da parte con discrezione, difendere garbatamente le proprie faccende private, ponendosi di fronte al proprio tema come uno scultore di fronte alla materia prescelta, lavorandoci e sviluppandosi attraverso di essa, e voglia, come fosse una specie di autore classico, non lasciarsi prendere subito dalla disperazione, anche se non si possono certo negare le vere e proprie assurdità che ovunque vengono a galla, allora scrivere diventa un mestiere piú difficile, piú solitario e anche piú insensato.
Un bel voto in letteratura non ha alcuna importanza (chi non se preso e quanti libri raffazzonati non hanno avuto addirittura un premio !), mentre le esigenze quotidiane si fanno più pressanti.

Die Panne ,di Friedrich Dürrenmattultima modifica: 2011-05-20T16:02:21+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento