GABRIELLA KURUVILLA Milano, la città sigillata

da notizie radicali

GABRIELLA KURUVILLA
Milano, la città sigillata

Unknown-2.jpeg

24-03-2011
Continua la battaglia del comune per chiudere qualsiasi spazio di socializzazione. Lo scrive Gabriella Kuruvilla, scrittrice italo-indiana. Mentre a Londra l’occupazione di case sfitte non è reato e gli squatter si prendono le ville dei vip (l’ultima è quella del figlio di Gheddafi, Saif al Islam), a Milano sono i vip a “impossessarsi” dei singoli appartamenti o di interi edifici, pagando canoni mensili irrisori o realizzando abusi edilizi. Ma invece di contrastare questi fenomeni, il comune sembra impegnato in un’altra lotta, quella per la chiusura di qualsiasi luogo pubblico. L’odio del vice-sindaco Riccardo De Corato per gli spazi di socialità si è espresso più volte e in vari modi: recintando quasi tutti i giardini pubblici, imponendo il coprifuoco in varie zone, limitando la capienza di alcuni locali e decretando la fine di altri. La lista dei posti chiusi, temporaneamente o per sempre, è lunga: Atomic, Plastic, Bitte, Rainbow, Cascina Monluè, Scimmie e Rolling Stone sono solo alcuni. L’ultimo è la casa 139. I centri sociali non se la cavano meglio. Pergola è stata definitivamente abbattuta e il Leoncavallo è sotto continua minaccia di sgombero: il prossimo è annunciato per il 24 marzo.

C’è chi cerca di reagire, magari giocando al gatto e al topo con l’amministrazione. La Bottiglieria occupata da quasi un anno muore e risorge continuamente, come un’araba fenice, in vari luoghi e con vari nomi: ora si trova nella piscina di via Botta. Mentre il collettivo Zam, dopo aver occupato per tre giorni a ottobre uno stabile di via Molise, il 29 gennaio ha stabilito la sua sede in un enorme spazio in zona Barona. A dimostrazione che questa città è piena di luoghi inutilizzati, a volte sottratti all’abbandono e al degrado da persone che chiedono la possibilità di incontrarsi. Continuamente ostacolata, e negata, dai politici.

GABRIELLA KURUVILLA Milano, la città sigillataultima modifica: 2011-03-25T14:53:00+01:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento