Armando Todesco, Dati sull’economia italiana

salario_sacconi.jpg

 

Dati sull’economia italiana

Tra i tanti che abbiamo ,credo che uno dei principali problemi italiani sia l’assenza di un ministro dell’economia dallo stile popolare .
L’attuale ma anche i predecessori si sono limitati ad occuparsi dei problemi dl’economia dal  loro ufficio e parlando solo con pochi addetti ai lavori .
Da decenni credo proprio che all’Italia manchi un ministro dell’economia che  produce lavoro ,che crea lavoro, che  inaugura opere ,che taglia nastri ,che visita le aziende  ,che parla con i lavoratori e con gli imprenditori ,che conosce bene il paese perche’ lo visita .
Per avere un ministro di questo genere bisogna risalire agli anni 50 e sessanta e troviamo  Vanoni , Visentin , Ferrari aggradi  e per altri settori Donat cattin. 
Gli ultimi ministri  Padoa e Tremonti mi sembrano piu’ uomini d ufficio ,da tavolino ,che guardano e discutono i dati ma non muovano   niente .

Come ministro comincerei col dire che in Italia il debito pubblico e’:
nel dicembre  2009  di 1.763  miliardi di euro
nel gennaio 2010 di 1790 miliardi di euro 
nel dicembre  2010  di 1.843 miliardi di euro
nel gennaio 2011 e’stato  di 1.879 miliardi di euro
E’ cresciuto di 89 miliardi di euro  sul gennaio del 2010 e  di 37 miliardi di euro sul solo dicembre  2010 .
Piu’ che il dato numerico colpisce la tendenza registrata lungo tutti gli ultimi 12 mesi con un  tasso di crescita che e’ addirittura il doppio del tasso di inflazione.
Siamo arrivati ad avere un debito nel 2010  a 119% del pil .
In soldoni ogni italiano si trova ad avere a che fare con un debito di 31.331 euro a testa.
Di fronte a queste cifre che i cittadini non si spiegano in termini di vantaggi pratici il presidente del consiglio dichiara che  occorre risparmiare perche’ oggi “incassiamo 100 e spendiamo 105 “per cui ha  chiesto di ridurre a 103  le spese nel  2013 e nel 2015  a zero .
Promesse che staremo a vedere  se verranno  mantenute  .

Sul fronte delle entrate le cose vanno meglio .
Nel 2011 a gennaio  le entrate sono aumentate del 3,5%,l’irpef  e’ aumentata del  4,4%
e l’Iva pure del  4%.
Quello che  le persone percepiscono e’  che si sta facendo un grande lavoro sul settore delle evasioni fiscali e su questo  ambito i risultati sono notevoli .
Il contrasto sulle dichiarazioni false e’ ottimo.

Ci sono quindi risultati sull’ economia a volte buoni e a volte cattivi:questo puo’ succedere ma ripeto non bastano i numeri ma ci vuole anche un comportamento piu’ vicino alla realta’ economica che non sono solo bei convegni ma e’ nella vita aziendale quotidiana che viene sviluppata.    

Armando Todesco
salario_sacconi.jpg

Armando Todesco, Dati sull’economia italianaultima modifica: 2011-03-18T16:19:49+01:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento