Chicco Testa,Meglio il nucleare

da IL RIFORMISTa

 

Meglio il nucleare
di Chicco Testa
Il mondo dipende troppo dal petrolio perché l’ulteriore incidente che lo riguarda, l’esplosione di una piattaforma con conseguente travaso in mare di milioni di galloni, susciti qualche cosa di più dell’ennesimo processo mediatico. Certo ci saranno ricorsi, tribunali al lavoro, richieste d’indennizzo, pubblici mea culpa. Ma il potere dell’oro nero, prima ancora di quello delle grandi compagnie che lo estraggono, è troppo grande nel mondo contemporaneo, perché possa essere messo in discussione.
NUCLEARE.jpeg

Fire boat response crews battle the blazing remnants of the off shore oil rig Deepwater Horizon, off Louisiana, in this handout photograph taken on April 21, 2010 and obtained on April 22. Eleven workers were missing and 17 injured in an explosion at the Transocean oil drilling rig, and crews were fighting the fire 16 hours later, the U.S. Coast Guard said on Wednesday. An estimated 126 people were aboard the Deepwater Horizon at the time of the explosionA Coast Guard MH-65C dolphin rescue helicopter and crew document the fire aboard the mobile offshore drilling unit Deepwater Horizon, while searching for survivors April 21, 2010. Multiple Coast Guard helicopters, planes and cutters responded to rescue the Deepwater Horizon’s 126 person crew. Picture taken April 21, 2010. REUTERS/U.S. Coast Guard/Handout (UNITED STATES – Tags: DISASTER ENERGY IMAGES OF THE DAY) FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS

Le profezie sul prossimo esaurimento del petrolio sono cominciate con le prime crisi degli anni ’70. Da allora il suo utilizzo continua ad aumentare. È certo che un giorno finirà, come tutte le cose, ma quanto sia lontano quel giorno nessuno lo sa. Il suo potere, oltre che dalle quantità enormi di cui necessitiamom, è moltiplicato dal suo valore. Ed il paradosso è che, normalmente, incidenti come questo lo accrescono, creando una situazione di momentanea crisi, su cui si innestano facilmente le speculazioni finanziarie.

Nell’anno passato in Cina sono state immatricolati 15 milioni di autoveicoli, con un aumento del 50% rispetto all’anno precedente. Così il parco autoveicoli cinese (45 milioni) ha raggiunto un livello di penetrazione pari a meno di 1 auto ogni venti abitanti. In Europa è all’incirca di 1 a 2. Negli Usa di 2 a 3.

Di quanto ancora crescerà il fabbisogno cinese? Senza considerare che il petrolio è materia prima ancora più preziosa per tutta la filiera della chimica. A ciò si aggiungono le tensioni geopolitiche, che spingono Obama, in nome di una maggiore indipendenza energetica Usa, a riaprire le ricerche per le estrazioni petrolifere off-shore, sottoponendosi all’ “infamante” accusa di assomigliare a Sarah Palin.

Nel frattempo il sogno di energie alternative continua a rimanere nel cassetto. Nei numeri, che dicono la verità, se non nei cuori pieni di desideri scambiati per realtà. Nella soddisfazione del fabbisogno energetico del mondo, oltre al petrolio, la fanno da padroni il carbone e il gas. Questi ultimi, in particolare, continuamente in aumento nella produzione di energia elettrica. Responsabili di un inquinamento questo sì mortale e calcolato dall’ Organizzazione mondiale della Sanità in circa 1.000.000 di decessi all’anno. Questa dipendenza è anche il problema energetico principale dell’Italia, che deve ai combustibili fossili il 90% dei suoi consumi. Per questo il ricorso a una certa quota di energia nucleare, che da sola certo non risolve il problema, dovrebbe essere visto con favore. Anche con realismo. Qualcuno spieghi per esempio a Berlusconi che nemmeno l’entusiasmo del neofita può fargli credere che lui e Putin riforniranno il mondo in qualche anno dell’inesauribile sorgente costituita dalla fusione nucleare.

Forse è più facile sconfiggere il cancro in tre 3 anni. In compenso lo strabismo verde si mobilita con forza emotiva adeguata solo quando c’è in ballo l’energia nucleare. Nel frattempo, come sempre, vincono i “cattivi”: i combustibili fossili.

Chicco Testa,Meglio il nucleareultima modifica: 2010-04-28T17:38:48+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento