Rossana Rossanda, Sinistra,alle origini del disastro

da IL MANIFESTO Sinistra, alle origini del disastro Data di pubblicazione: 27.06.2009 Autore: Rossanda, Rossana Un affresco del declino della sinistra, su cui si può discutere; anzi, si deve, perché uno dei terreni di riflessione è nell’interpretazione di quegli eventi. Il manifesto, 27 giugno 2009 La diagnosi dello stato della politica in Italia è semplice: metà dei cittadini si è … Continua a leggere

Slavoj Zizek, L’era post-democratica

Almadinejad, Berlusconi e l’era post-democratica Slavoj Zizek [25 Giugno 2009] Un’analisi del filosofo sloveno sulla sollevazione di Tehran: non bisogna leggere il movimento iraniano come pro o contro l’Occidente. Piuttosto, esso dimostra che nel mondo islamico ci sono ancora forze sociali vive e capaci di auto-organizzarsi. Non ricoscoscerle significa abbandonarsi al cinismo. Quando un regime autoritario approda alla crisi finale, … Continua a leggere

autori vari, lettera aperta sull’Iran

elections in Iran Open letter of support to the demonstrators in Iran This open letter (dated 24/06/09), signed by a number of international academics amongst whom Noam Chomsky and Juan Cole, is a letter in support of the This morning Ayatollah Ali Khamenei demanded an end to the massive and forceful demonstrations protesting the controversial result of last week’s election. … Continua a leggere

Attilio Mangano,Dixi et salvavi animam meam

risposta a Marco Grispigni 1. Stando a numerose testimonianze attendibili sembra proprio che nel periodo stesso della campagna elettorale, chiamiamola cosi,sia emersa una sensibilità e una attenzione particolare, come se di colpo si fosse presentato un evento-occasione che richiamava l’attenzione di milioni di persone in un modo inatteso. 2. Anche se è difficile davvero sapere con chiarezza i dati elettorali … Continua a leggere

MichelGuglielmoTorri, Iran:una rivoluzione popolare?

CARO MARCO, intanto a dimostrazione della mia volontà di prendere sul serio il problema ti invio come documentazione questo testo preso dalla rete, mi si dice che Michelguglielmo insegna storia dell’Asia,prima a Torino, poi a Pisa. Forse può valere la pena verificare. Credo proprio che ti scoccerò ancora rispondendo in modo più puntuale più tardi. Attilio ps se mi autorizzi … Continua a leggere

Nicola Fanizza, Piero Delfino Pesce settanta anni dopo

Ricordando Piero Delfino Pesce a settant’anni dalla morte Nicola Fanizza Arnaldo Mussolini, ovvero il lettore inatteso Nella lettera dell’11 aprile 1922, indirizzata alla sua amica Caterina Tanzarella, moglie di Piero Delfino Pesce, Maddalena Santoro, dalla sua abitazione di Milano, scrive: «Leggo sempre l’Humanitas. Ha cura di farmela avere, puntualmente, un abbonato di qui, che è poi un fervido ammiratore di … Continua a leggere

Luca Ricolfi,Paradosso italiano

DA   LA  STAMPA   27/6/2009 Paradosso italiano LUCA RICOLFI Come dare torto al ministro Tremonti quando esterna tutto il suo scetticismo riguardo alle previsioni degli economisti e degli uffici studi sull’andamento del Pil nel 2009? Oggi la maggior parte degli «esperti» prevede per l’Italia un -5.5%, ma appena quattro mesi fa, a febbraio, i medesimi esperti prevedevano un -2%, e fino … Continua a leggere

Lirio Abbate, Se la mafia si offende

da LA STAMPA 27/6/2009 Se la mafia si offende LIRIO ABBATE Sono trascorsi trentun anni dall’omicidio di Peppino Impastato. Alla mafia quella figura di «rivoluzionario», che con l’ironia e lo sfottò ha affrontato i clan di Cinisi, ancora oggi non va giù. A distanza di tanto tempo i figli dei mafiosi vicini al boss Tano Badalamenti tentano di demolirne la … Continua a leggere

MINA, Un bambino d’oro e di paura

da LA STAMPA 27/6/200Se ne è andato un bambino. Che, probabilmente, non è mai stato veramente felice. Un bambino di cinquant’anni. Che non trovava pace nella continua ricerca di modificarsi per unificarsi a un modello che, forse, nemmeno lui aveva ben chiaro. Tante facce, troppe facce e nessuna definitiva, nessuna serena. Se ne è andato un bambino. E con lui … Continua a leggere

Paul Ginsborg,Due scelte possibili

da IL MANIFESTO  : 27.06.2009 Due scelte possibili: fare un vero partito nuovo, con la necessaria pazienza, oppure entrare nel Pd. Il manifesto, 26 giugno 2009 Con molti altri ho provato per ben tre volte a mettere insieme la sinistra: la prima volta nel 2003-4 con Gian Paolo Patta e «Lavoro e società» della Cgil; la seconda nel 2004-5 con … Continua a leggere