Nicola Chiaromonte, La rivolta conformista

SEGNALO A MIA VOLTA QUESTO MESSAGGIO DI INVITO  CHE LA RIVISTA  la città  HA INVIATO  SUL CONVEGNO DA LEI PROMOSSO, UN CONVEGNO CHE CREDO  SI PREANNUNZI  RICCO DI STIMOLI  CRITICI SIA PER I RELATORI CHE PER IL TEMA STESSO. LA FIGURA DI  NICOLA CHIAROMONTE  E’ ANCORA OGGI POCO CONOSCIUTA E MERITA  UNA GRANDE ATTENZIONE.
ATTILIO MANGANO

Il giorno 25/apr/09, alle ore 04:46, Una Citta ha scritto:
Fondazione Alfred Lewin – rivista “una città

CONVEGNO- SEMINARIO “IL 68 E LA VIOLENZA”
La violenza fu la degenerazione di un movimento in origine solamente antiautoritario o fu originaria?
E’ giusto pensare che fu Piazza Fontana il trauma che spinse il movimento verso la violenza?
Perché la violenza non scoppiò laddove il 68 si scontrava con un regime autoritario mentre dilagò dove, malgrado tutto, le libertà democratiche erano consolidate?
Perché il mito della rivoluzione violenta e l’ideologia comunista fecero tanta presa sui giovani di allora?
Rispetto alla violenza, c’è stata un’assunzione di responsabilità da parte di tutti oppure si è trovato comodo scaricare tutta la responsabilità su “chi ha ucciso”?
Si è detta tutta la verità? E si pensa sia importante dirla?
E perché il 68 (e poi il 69 e oltre) non si incontrò con Nicola Chiaromonte, uno dei più radicali intellettuali italiani, antitotalitario, libertario, intransigente, conosciuto e stimato da dissidenti e “dissenzienti” dell’Est e dell’Ovest del mondo?

Venerdì 8 maggio, ore 20,30
presentazione del volume 
LA RIVOLTA CONFORMISTA, SCRITTI SUI GIOVANI E IL 68
di Nicola Chiaromonte
edizioni una città
con Filippo La Porta
e Cesare Panizza
http://www.unacitta.it/paginelibriquaderni/Larivoltaconformista.html

Sabato 9 maggio 2009
convegno-seminario
IL 68 E LA VIOLENZA
ore 9,30-12,30 e 14,30-17 (nell’intervallo buffet)
parteciperanno:
Pietro Adamo, professore di Storia moderna all’Università di Torino.
Giampietro Berti, professore di Storia dei movimenti e dei partiti politici all’Università di Padova.
Anna Bravo, storica, ha pubblicato recentemente “A colpi di cuore. Storie del sessantotto”, Editori Laterza.Francesco Ciafaloni, Sociologo, già collaboratore dei Quaderni Piacentini.
Marcello Flores, professore di Storia contemporanea e Storia comparata alla facoltà di Lettere dell’Università di Siena. 
Enzo Golino, già redattore di “Tempo Presente”.
Filippo La Porta, critico e saggista, ha pubblicato recentemente “I maestri irregolari”, Boringhieri.
Cesare Panizza, ricercatore dell’Università di Torino, curatore della raccolta di saggi di Nicola Chiaromonte “La rivolta conformista”, edizioni Una città.

Circolo MADAMA DORE’
viale Spazzoli 51, Forlì

http://www.unacitta.it/paginealtratradizione/Convegnoil68elaviolenza.html

Il
Indice

7 Nicola Chiaromonte, i giovani, il 68 
di Cesare Panizza 
25 Gioventù indocile, aprile 1965
34 Dura lex, morale soffice, marzo-aprile 1966
39 Lettera da New York, gennaio 1967
50 I giovani e la politica, febbraio 1967
55 La nuova sinistra, settembre-ottobre 1967
60 La rivolta degli studenti, marzo-aprile 1968
66 A lume di ragione, marzo-aprile 1968
79 La Francia in questione, giugno 1968
84 La disfatta francese, luglio 1968
89 Gli esami d’ottobre, agosto 1968
94 Violenza e non violenza, agosto 1968
112 Società in tumulto, dicembre 1968
116 Fanatismo politico nell’età del dubbio, dicembre 1968
120 Progresso e felicità, due miti perduti, febbraio 1969
123 Esiste questo “sistema” contestato dai giovani?, feb.1969
127 Siamo tutti dei violenti, aprile 1969
130 Moderni per forza, maggio 1969
133 Una rivolta apparente, maggio 1969
137 Vecchie eresie e nuovi ribelli, giugno 1969
141 Le masse selvagge, settembre 1969
145 Parole confuse, dicembre 1969
148 I suicidi col fuoco, febbraio 1970
152 Io difendo i consumi, novembre 1970
155 Siamo figli del passato, dicembre 1970
159 Lettera a Anne Coppel, dicembre 1966
162 Lettera a Anne Coppel, maggio 1967
165 Lettera a Anne Coppel, giugno 1967

Nicola Chiaromonte, La rivolta conformistaultima modifica: 2009-04-27T18:27:41+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento