Giuseppe Bailone, Quest’anno

(Che cosa farò da grande.9)

GIUSEPPE BAILONE, Quest’anno

Quest’anno mio figlio più piccolo compie diciotto anni, l’altro ne completa il doppio, io sessantasei.
Sono diventato grande da piccolo.
Sono stato grande per i miei due figli e per i tanti alunni.
Ho vissuto a lungo di futuro mio e degli altri.
Ho vissuto di futuro politico.
Ho vissuto anche di rivoluzione, che per il futuro divora il presente.
Ho sempre corso.
Abituato al progresso progressivo, al più, ho pensato di rallentare la corsa, di sostituire alla fretta nevrotica la lentezza rilassante.
Adesso sono stanco di cercare sollievo alla stanchezza.
Ma sto imparando a stare fermo.
In pensione non ho ritrovato il futuro mio, quello che avevo accantonato per far posto ai tanti futuri del dovere.
Ho trovato un po’ di presente, liberato dal futuro mio e altrui.
Ho provato a viverci dentro e mi ci sono trovato.
Questo è adesso il mio futuro.
E’ insolito, ma voglio stare fermo.
Se il futuro mi viene incontro, lo fermo nel presente.
Voglio fermare il futuro.
Forse è roba da vecchi, ma mi alleggerisce e mi rinnova.
Alle catene del presente non voglio più aggiungere quelle del futuro.

Giuseppe Bailone, Quest’annoultima modifica: 2009-03-31T21:57:05+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento